Ryan Dungey ci prende gusto: secondo trionfo in Lucas Oil Pro

Lucas Oil Pro Motocross Championship, Round 6 - Southwick (Massachusetts), 29/06/2013

450 Class

In Moto 1 James Stewart si aggiudica l’holeshot, mentre alle sue spalle Dungey e Villopoto finiscono per scontrarsi alla prima curva e rimangono indietro. Dungey alla fine del primo giro riesce a risalire al decimo posto, mentre Villopoto ha un nuovo incidente e chiude trentesimo. Stewart aumenta il suo vantaggio, seguito da Short, ma subisce una caduta spaventosa che lo costringe a uscire di gara. Short prende la testa della corsa, Dungey però si fa sotto e al quindicesimo giro passa avanti. Rimane saldo al comando per il resto della gara e vince davanti a Short. Terzo Barcia e quarto Villopoto, che porta a termine così una grande rimonta. Dungey si mostra subito vincente anche in Gara 2. Al via evita lo scontro con Villopoto e agguanta l’holeshot. Quasi subito il Diavolo Rosso si riprende la testa della corsa, ma per tutta la prima metà gara non riesce a scrollarsi di dosso Dungey, che rimane incollato alla distanza di un secondo. Solo quando tra loro si frappongono i doppiati, Villopoto riesce ad aumentare il distacco. Alla fine vince, ma non gli basta per far suo il Round, che va a Dungey. Ora solo dodici punti separano i due campioni in classifica generale.

Ryan Dungey

250 Class

In Moto 1, grande Will Hahn. E’ appena tornato alle gare da una sola settimana, reduce da un terribile infortunio, e si conquista il suo terzo holeshot. Sulla sua scia si mette subito Jimmy Decotis e anche Tomac riesce a mantenersi tra i top-five. Rimangono indietro, invece, il leader del campionato Ken Roczen e il suo compagno di team Musquin, che finiscono il giro di apertura rispettivamente all’undicesimo e ventiquattresimo posto. Tomac riesce a farsi largo e si porta in testa, aumentando progressivamente il distacco dagli inseguitori. Lotta per il secondo posto tra Bagget e Roczen, che conclude così una strepitosa rimonta alle prime posizioni. Quando sembra vicino al sorpasso, Roczen inciampa in una clamorosa caduta. Bagget ne approfitta e termina secondo. La vittoria va a Eli Tomac. In Moto 2, partenza paurosa di Roczen, che agguanta l’holeshot. Lui e Musquin conquistano rapidamente il comando della corsa, mentre i primi due di Moto 1, Tomac e Bagget, rimangono fuori dai primi dieci. Roczen non sembra avere rivali. Il suo distacco è spesso sopra i 20 secondi. Di fronte a questa situazione, l’unica speranza di Tomac, per vincere il Round, è sfoderare una prestazione da campioni. L’impresa gli riesce. Al termine di diciassette giri risale dall’undicesima alla seconda posizione e si assicura la vittoria finale. In classifica generale Roczen mantiene il primo posto ma Tomac è a soli 7 punti.