Choose Vehicle's Typology

Jeffrey Herlings fermo al palo per un infortunio. Antonio Cairoli torna in sella alla “sua” moto. Seewer e Febvre a podio.

Round 13: GP of Czech Republic - Loket - 24.07.2016

Kevin Strijbos (#22 Suzuki World MXGP Team)

Tre settimane di pausa e il mondiale motocross è tornato in pista a Loket (Rep.Ceca) con molte sorprese. Nella MX2 ha spiccato l’assenza del leader di campionato Jeffrey Herlings (Red Bull KTM Factory Racing) che non si è presentato in sella alla sua KTM 250 SXF supportata da Athena GET a causa della frattura alla clavicola destra rimediata in una caduta nell’ultima prova di campionato olandese. Una giornata sfortunata per la squadra “factory” KTM che ha fatto segnare anche la doppia battuta a vuoto di Pauls Jonass (Red Bull KTM Factory Racing) anche lui in sella alla KTM 250 SXF supportata da Athena GET. Il lettone, dopo aver conquistato la pole position durante la manche di qualifica del sabato, si era schierato come uno dei più autorevoli pretendenti alla vittoria di giornata. Al via di gara 1, dopo essere scattato al comando del gruppo, nell’affrontare il doppio salto in discesa che caratterizza da sempre il circuito di Loket, ha commesso un errore ed è incappato in una rovinosa caduta. Immediatamente soccorso, il pilota KTM, ha mostrato segni di ripresa immediati e fortunatamente il tutto si è risolto con un grande spavento e molte escoriazioni. A portare a casa un ottimo risultato per i colori Athena-GET, ci ha pensato Jeremy Seewer (Team Suzuki World MX2) in sella alla Suzuki RMZ 250 equipaggiata con la centralina RX1 Evo, il sistema di acquisizione dati M40 e l’innovativo sistema Launch Control LC-GPA. Lo svizzero ha chiuso il GP al secondo posto assoluto e rimane saldamente al secondo posto della classifica di campionato. Nella MXGP, è stato Romain Febvre (Monster Energy Yamaha Racing Team) a raggiungere il terzo gradino del podio portando in gara la sua Yamaha YZF 450 equipaggiata con la centralina RX1 Evo, il sistema di acquisizione dati M40 e l’innovativo sistema Launch Control LC-GPA. Il campione del mondo in carica è rientrato in gara dopo due GP di stop a causa dell’infortunio patito in Inghilterra. Era altrettanto atteso il ritorno di Antonio Cairoli (Red Bull KTM Factory Racing) in sella alla KTM 350 SXF supportata da Athena GET ha destato tante curiosità e aspettative. Tony, come sempre ha dato il massimo, ma a causa di due partenze non delle migliori è stato costretto sempre alla rimonta chiudendo il GP in settima posizione assoluta, anche se ha dimostrato di aver ritrovato un ottimo feeling con la moto che gli ha permesso di conquistare cinque titoli iridati consecutivi.